Comprare azioni Poste Italiane: come investire, previsioni e target price 2022

by 28 Gennaio 2022

In questa guida parleremo di azioni Poste Italiane e di come fare ad investire sul titolo azionario.

Le poste in Italia sono profondamente cambiate a partire dagli anni ‘90, quando un graduale processo di privatizzazione ne ha dato un approccio più aziendalistico. E lontano da quell’ente in perenne deficit, con lettere mai corrisposte o esuberi di personale.

Poste Italiane ha sempre più digitalizzato i propri servizi, così come offerto servizi finanziari. Sebbene non manchino ancora scene tipiche del secolo scorso, tra code agli sportelli o prenotazioni fatte a mano su carta e penna fuori agli uffici.

Comunque, a parte qualche vecchio retaggio ancora duro a morire, Poste Italiane sono anche quotate in Borsa dal 2015. Ed è di questo che ci occuperemo in questo articolo, dove vedremo come comprare azioni Poste italiane, dove farlo, se conviene.

Una soluzione conveniente per fare trading sui titoli azionari è quella del broker eToro. Si tratta di una piattaforma regolata che offre la possibilità, grazie al copytrading, di replicare le operazioni dei trader più bravi.

Per maggiori informazioni su eToro cliccate qui per visitare il sito ufficiale.

Poste Italiane: chi è

Poste italiane S.p.A. è un’azienda italiana che si occupa, come noto, di servizi postali, bancari (tramite il Patrimonio Bancoposta), finanziari e di telecomunicazione, di telematica pubblica, di operazioni di riscossione e pagamento e di raccolta del risparmio postale.

Fu fondata nel 1862 come azienda autonoma che gestiva in monopolio i servizi postali e telegrafici per conto dello Stato e divenuto in seguito, fino al 1998, un ente pubblico economico.

Comprare azioni Poste Italiane

È organizzata in cinque divisioni:

  • Corrispondenza
  • Espresso Logistica e Pacchi
  • Bancoposta
  • Filatelia
  • Rete Territoriale

nonché tredici direzioni e servizi centrali.

Ecco alcuni numeri principali:

  • 6 aree territoriali
  • 132 filiali
  • 12 845 uffici postali
  • 16 centri di meccanizzazione postale
  • 2 117 uffici di recapito con 40 717 addetti al recapito
  • 7 249 sportelli automatici
  • 18 collegamenti aerei quotidiani
  • 33 000 veicoli

È quotata nell’indice FTSE MIB della Borsa di Milano ed è controllata per il 35% dalla Cassa Depositi e Prestiti e per il 29,3% dal Ministero dell’economia e delle finanze.

Ha l’appalto servizi essenziali di consegna di lettere e pacchi su tutto il territorio nazionale italiano fino al 30 aprile 2026.

👍 Dati societariAzienda italiana che si occupa di servizi postali, bancari, telematica pubblica, operazioni di riscossione e pagamento e di raccolta del risparmio postale.
✉️ SettoreBancario
🏢 SedeRoma
💻 QuotazioneBorsa di Milano – Indice Ftse Mib
👍 TickerPST
🥇Migliore piattaforma con conto demoeToro
🥇Miglior broker per azioniCapital.com

Piattaforme per investire in azioni Poste Italiane

Prima di proseguire vi segnaliamo quelli che sono attualmente le migliori piattaforme per investire in azioni:

BROKER
CARATTERISTICHE
PIATTAFORMA
 
Social trading, copy tradingCopy PortfolioISCRIVITI
Ebook gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Spread 0 pipsConti zero XMISCRIVITI
Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

si tratta di piattaforme regolate e registrate in Consob.

Poste Italiane: Storia

La storia di Poste Italiane va di pari passo con quella della Repubblica italiana.

Ereditando l’impostazione delle “Poste di Sardegna” – servizio di corrispondenza del Regno di Sardegna – dopo l’unità d’Italia le poste inglobarono le aziende di servizi postali dei regni annessi e si costituirono in ente nazionale con la Legge 5 maggio 1862, n. 604 (la cosiddetta riforma postale).

Nel corso della seconda metà dell’800, sono tanti i servizi che sono stati via via implementati.

Con l’arrivo del nuovo secolo, sono stati lanciati i francobolli e il primo ervizio dei conti correnti postali. Durante la Grande Guerra furono introdotti anche gli assegni postali.

Il servizio di Poste andava anche di pari passo con la crescente alfabetizzazione nazionale, che aumentava così la platea dell’utenza finale.

Nel 1924, durante il fascismo, il Ministero delle Poste e Telegrafi (il quale ideò l’abbreviazione “PT”) fu trasformato in Ministero delle comunicazioni e divenne un importante centro di potere, anche per la sua capacità di controllo sui cittadini, messo a servizio della censura.

Nel 1925, con il R.D.L. 520 del 23 aprile, le attività passano dal Ministero delle comunicazioni alla nuova Azienda Autonoma delle Poste e dei Telegrafi, posta sotto il controllo del dicastero stesso. Che successivamente inglobò anche il servizio radiofonico EIAR, poi diventato Rai, nonché i servizi telefonici.

Dopo la disastrosa Seconda guerra mondiale, le poste incrementarono i propri servizi finanziari. Di pari passo col boom economico. Vengono così lanciati libretti e titoli. Acquisendo anche tutti i pagamenti e le riscossioni dello stato.

Nel 1967 viene introdotto il codice di avviamento postale (o CAP) e si accelera il processo di automazione del sistema logistico per far fronte all’aumento dei volumi postali.

Tra una novità e l’altra si arriva agli anni ‘90, che videro a colpi di dismissioni e liberalizzazioni, trasformare radicalmente Poste italiane in una S.P.A.

Negli anni 2000 l’azienda ritrova l’equilibrio dei conti – anche a colpi di pensionamenti di massa e precarizzazione delle nuove assunzioni – ed è ancora protagonista dell’ammodernamento della macchina statale. Come quando nel 2010 ha lanciato per conto della Pubblica Amministrazione, la PostaCertificat@ (di tipo CEC-PAC), una casella email sicura che garantisce valore legale alla corrispondenza online.

Interessante è stato anche il lancio di servizio come Postepay e Bancoposta click. Il primo offre una carta ricaricabile con costi molto contenuti, anche evoluta con altre versioni. La seconda un servizio di Home banking.

Poste Italiane è stata la prima azienda postale al mondo a entrare nel settore della telefonia mobile come operatore virtuale con il brand PosteMobile.

Comprare azioni Poste Italiane: migliori piattaforme

Vediamo ora su quali broker comprare le azioni Poste Italiane.

eToro

Partiamo dal broker eToro. Con 50 euro di deposito minimo, entrerai a far parte di un universo fatto di servizi accattivanti e molto utili. Qualche esempio?

CopyTrading: una evoluzione del Mirror trading già esistente in precedenza. Consente di copiare quanto fanno i trader più bravi iscritti alla piattaforma, chiamati Popular Investors.

Selezionabili tramite precisi parametri sulle performance e una biografia. Il trading copiato può anche essere personalizzato, impostando stop loss e take profit o interrompendo il trading quando si vuole

Ecco un esempio di trading azionario sul titolo Poste su eToro:

Azioni Poste Italiane su eToro

Social trading: si tratta di una esclusiva di eToro: permettere ai trader di interagire tra loro come fossero su un social network vero e proprio.

Quindi, condivido, commentano o reagiscono a post degli altri e ne postano di propri. Possono così confrontarsi e trarre spunto dal loro operato per le loro decisioni di trading

Smart portfolios: (ex CopyPortfolios) sono pacchetti di asset divisi per categoria e performance.

Ne troviamo di tre tipi:

  1. Top Trader Portfolios che comprendono i trader con le performance migliori su eToro, secondo una strategia predefinita;
  2. Market Portfolios che raggruppano una combinazione selezionata di CFD in azioni, materie prime o ETF, secondo un tema predefinito;
  3. Partner Portfolios, a loro volta divisi in: Tipranks, una società di software per analisi di borsa, WeSave, un robo-advisor francese, e Meitav Dash, una società di investimenti con un patrimonio gestito multimiliardario

Potrai usufruire anche di un conto demo da 100mila euro virtuali.

Puoi registrarti gratuitamente su eToro cliccando qui.
Circa il 78% dei trader con questo broker CFD perde denaro facendo trading online. Prima di investire considera i rischi di perdita di denaro.

Capital.com

Capital.com è un broker che offre tre tipi di conti diversi, con quello base che parte da 20 euro.

Sempre restando sul tema dell’economicità, ricordiamo anche che prevede commissioni contenute, trades spread-only. Inoltre, su alcune coppie di valute più popolari lo spreads è dello 0.0.

Il conto demo è di 10mila euro virtuali, cifra contenuta rispetto ad altre piattaforme di trading per abituare il trader al money management. Vale a dire, la gestione del proprio denaro.

Su Capital.comroverai grafici molto dettagliati, con integrati oltre 70 tra indicatori ed oscillatori di trading.

Molto interessante poi la tecnologia della sua piattaforma nativa, integrata di Intelligenza artificiale. Se invece vuoi restare fedele a MetaTrader, troverai sia la quarta che la quinta versione.

Registrati su Capital.com cliccando qui.
71.2% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Degiro

Degiro ha tra i suoi servizi più interessanti quello rating ESG, che mostra come le aziende o gli investimenti ottengono un punteggio sulle politiche ambientali, sociali e di governance.

Questi punteggi aiutano il trader a valutare i rischi e le opportunità.

Con Degiro è possibile costruire agevolmente un portafoglio ben diversificato e distribuire i propri investimenti su diversi tipi, regioni e settori.

Per i trader alle prime armi, il broker offre il servizio Accademia degli investitori, che include 10 lezioni di investimento per iniziare.

Investire contro tassi bassi, o addirittura senza commissioni sulle borse americane, Borsa Italiana, e in ETF. Ottieni l’accesso a più di 50 mercati globali.

Questo broker olandese ha ricevuto spesso premi per essere tra i migliori, i più corretti, e i più economici broker online.

Puoi iniziare a investire sul mercato azionario con Degiro da qui.

Grafico Azioni Poste Italiane (PST.MI)

Vediamo il grafico sull’andamento delle azioni Poste italiane (PST.MI)

Competitors di Poste Italiane

I principali concorrenti di Poste Italiane vanno divisi in due settori. Quello relativo ai servizi finanziari e quello relativo alle spedizioni. Proprio perché la società è attiva in entrambi ed è giusto scindere le cose.

Servizi finanziari

Come detto quando ci siamo occupati della storia di Poste, abbiamo visto quanto il servizio sia gradualmente evoluto negli anni nell’offrire servizi finanziari sempre più accurati.

Dunque, Poste Italiane va a scontrarsi con la concorrenza delle banche italiane, per quanto concerne l’Home banking, l’emissione di carte, l’accensione di mutui o di assicurazioni vita o anti-infortunistiche, ecc.

Attività finanziaria

Per questo campo, i principali competitors di Poste Italiane sono:

  • Unicredit: è un gruppo bancario internazionale, con sede a Milano. Ma dispone di una vasta rete internazionale di uffici rappresentativi e filiali in altri 18 paesi nel mondo.
  • Intesa Sanpaolo: è un istituto bancario italiano attivo dal 1º gennaio 2007, nato dalla fusione tra Sanpaolo IMI e Banca Intesa. Ha sede legale e amministrativa nella città di Torino e sede secondaria nella città di Milano. Le sue origini risalgono al 1563 con la fondazione dell’Istituto Bancario San Paolo di Torino.
  • BPM: è stato l’ottavo gruppo bancario in Italia per capitalizzazione – il quinto tra gli istituti popolari – fino al 1º gennaio 2017, quando si è fuso con il Banco Popolare per costituire il Banco BPM.
  • ING: è un gruppo bancario olandese. ING è la sigla di Internationale Nederlanden Groep. È quotato al New York Stock Exchange ed all’Euronext.
  • BNP Paribas: è un gruppo di credito operante nei servizi finanziari e una delle 6 banche più solide al mondo secondo la valutazione della società di rating Standard & Poor’s. Il Gruppo è presente in Europa in quattro mercati domestici attraverso la banca retail: Belgio, Francia, Italia e Lussemburgo.
  • BNL: è uno dei maggiori gruppi bancari italiani con circa 2,5 milioni di clienti privati, 130.000 tra piccole imprese e professionisti ed oltre 33.000 tra imprese ed enti. Fondata nel 1913, la banca è passata sotto il controllo del gruppo francese BNP Paribas nel 2006.
  • Fineco: è una banca diretta multicanale indipendente che offre, in unico conto, servizi di banking, credit, trading e investimento. E’ leader in Europa nel brokerage e dispone di una delle maggiori reti di consulenti finanziari nel nostro paese.

Servizi di spedizioni

Per quanto concerne le spedizioni, i principali players privati che fanno concorrenza a Poste Italaine sono:

  • BRT
  • GLS
  • TNT
  • UPS

Tuttavia, PosteItaliane, oltre ad aver incorporato il gruppo SDA fin dal 1988, di recente ha messo a segno un altro colpo. L’acquisizione di Nexive s.p.a, una delle principali aziende concorrenti.

Il 1° ottobre 2021 sono state infatti perfezionate le operazioni societarie connesse all’acquisizione da parte di Poste Italiane S.p.A. del capitale sociale di Nexive Group S.r.l. Quali, in particolare:

  • fusione per incorporazione di Nexive Group S.r.l. e di Nexive Servizi S.r.l. in Poste Italiane S.p.A. (servizi pacchi/corriere espresso)
  • scissione parziale dei rami d’azienda di Nexive Network S.r.l. in favore di Poste Italiane S.p.A. (ramo mail) e di Postel S.p.A. (ramo print)

Ci sarà così il subentro di Poste Italiane S.p.A. nei rapporti, azioni, diritti ed obblighi facenti capo al Gruppo Nexive (servizi parcel/corriere espresso e mail).

L’operazione comporterà alcune variazioni delle modalità e delle condizioni di fruizione dell’offerta di corrispondenza e di pacchi/corriere espresso, nazionale e/o internazionale.

Il tutto, in attesa che Amazon avvii un proprio servizio di spedizioni, che sicuramente porrebbe un nuovo concorrente agguerrito per Poste. Ma, soprattutto, togliere un importante fetta di attività in quanto oggi proprio SDA si occupa delle consegne dei prodotti acquistati su Amazon.

Previsioni azioni Poste italiane 2022-2025

Non è possibile fare previsioni accurate sul titolo. Fate le vostre ricerche e valutazioni personali. Ecco alcuni dati aggiornati sul titolo.

Ecco i dati aggiornati sul titolo:

Poste Italiane ha mantenuto ancora una posizione importante per i servizi della PA, come per esempio per la nuova identità digitale (largamente scelta rispetto alla concorrenza) o la posta certificata.

Così come per i servizi di contenimento della povertà attivati dallo stato, che vedono poste centrale sia nel disbrigo delle pratiche che nella emissione delle relative carte.

Comprare azioni Poste Italiane: FAQ

Chi è Poste Italiane?

Poste italiane S.p.A. è un’azienda italiana che si occupa, come noto, di servizi postali, bancari (tramite il Patrimonio Bancoposta), finanziari e di telecomunicazione, di telematica pubblica, di operazioni di riscossione e pagamento e di raccolta del risparmio postale.

Conviene investire in Poste Italiane?

Per i prossimi anni, Poste Italiane dovrebbe conoscere un rialzo, anche grazie all’acquisizione di Nexive che consoliderà la sua posizione per quanto concerne il comparto spedizioni.

Mentre i servizi finanziari proseguono spediti (scusate il gioco di parole) e garantiscono una solida affidabilità.

Poste Italiane ha mantenuto ancora una posizione importante per i servizi della PA.

Dove comprare azioni Poste Italiane?

E’ possibile investire sul titolo comprando le azioni in Banca o tramite piattaforme di trading regolamentate.

Azioni Poste Italiane su eToro

Conclusioni

La storia di Poste Italiane va di pari passo con quella del nostro paese. Sono di fatto nati insieme e l’ente incarna bene l’evoluzione del paese in termini di servizi e di alfabetizzazione, ma anche le pecche principali. Come abusi e lottizzazione.

Dagli anni ‘90 anche questo ente, ormai molto pesante per la macchina statale, è stato oggetto di una profonda innovazione. Con la trasformazione in SPA e il lancio in borsa.

Negli anni ha affinato i propri servizi finanziari e migliorato quelli postali. Migliorando il proprio posizionamento con l’acquisizione di Nexive SPA.

Poste Italiane ha mantenuto ancora una posizione importante per i servizi della PA, come per esempio per la nuova identità digitale (largamente scelta rispetto alla concorrenza) o la posta certificata. Così come per i servizi di contenimento della povertà attivati dallo stato.

Il titolo può essere preso in considerazione per arricchire il proprio portafoglio di un asset stabile, che non disdegna rialzi seppur lenti e graduali.

Per il trading CFD consigliamo broker regolamentati che consentono di provare i loro servizi attraverso le demo gratuite.

Chi vuoke iniziare a fare trading in sicurezza può iniziare registrandosi gratuitamente ed attivando un conto deo. Qui sotto trovate i ling ufficiali alle piattaforme che vi consentono l'accesso sicuro:

si tratta di broker regolamentati che offrono un conto demo illimitato.

No Comments so far

Jump into a conversation

No Comments Yet!

You can be the one to start a conversation.

Your data will be safe!Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person.